12
Gen
2021

La mia ''Verona'' magica, in note e immagini

La mia ''Verona'' magica, in note e immagini
Sara Spaziani

Il nuovo singolo dell’artista italo-belga celebra le bellezze della città, nella sua splendida atmosfera notturna…

Verona”, il nuovo singolo di Toni Veltri, è fuori dal 11 Dicembre e in radio dal 14 Dicembre. Il video,​girato in un’insolita Verona deserta, dalle abili mani di Carlo Neviani e dalla troupe di Davide Franzoni (noto Regista nazionale della Image mix 35), dopo l’anteprima sul sito del MEI è disponibile su YouTube https://youtu.be/8Rggs209XyU. Toni è un giovane cantautore italo-belga che vanta già importanti collaborazioni con artisti del calibro di Gianluca Grignani, Michele Zarrillo, Umberto Tozzi, Toto Cutugno, Antonello Venditti e riconoscimenti prestigiosi conseguiti nel corso della sua carriera artistica, tra cui il premio per miglior brano inedito al concorso Emozioni Live 2020, tenutosi presso il Teatro Del Casinò di Sanremo in onore di Lucio Battisti e in onda sulle reti Mediaset (Rete4, Tgcom24, La5) e Sky (Tv Moda). Conosciamolo meglio…

Chi è Toni Veltri?
Toni è un ragazzo semplice, umile, che si impegna per fare quello che ama di più nella vita, ovvero la musica. Sono cresciuto con tanta musica e mi sono sempre emozionato grazie ad essa, fin da bambino: all’epoca non ne ero cosciente, poi crescendo la musica è diventata un richiamo vitale. Il mio è un percorso che è stato un insegnamento fondamentale per me, come lo sarebbe stato per chiunque, e posso dire che rispetto del lavoro e impegno mi hanno portato a diventare l’uomo che sono oggi. Non mi sono mai sottratto ai sacrifici: ho fatto l’elettricista, il magazziniere, il tecnico del suono e delle luci, consegnato pizze, tutto pur di mettere da parte il necessario per continuare il percorso in ambito artistico. Ho comprato così la mia prima chitarra prima e il mio amato pianoforte, per il quale ammetto di avere un debole, è melodico, malinconico, trasmette eleganza e potenza. Solo a vederlo mi emoziono. Lucio Battisti è stata la mia massima fonte di ispirazione ed è grazie alla sua musica che ho capito cosa avrei voluto fare da grande: l’artista.

Com’è nata “Verona"?
“Verona” nasce proprio nella città di Verona, in una notte di venerdì. Ero in giro con un amico e ricordo che in giro si poteva quasi toccare con mano una felicità diffusa. Malgrado tutto ciò, nello spazio di qualche secondo, mi ha assalito una sorta di malinconia che mi ha creato malessere. Questo sentimento mi è rimasto dentro per un po’, finché ho deciso di scrivere una canzone. Avevo immortalato il momento con una foto alla quale ci siamo poi ispirati. Il testo è una sorta di dialogo con la città di Verona, da cui traspare tutto il tormento e l’inquietudine di questi giorni difficili, di una società senza certezze (“che sarà di noi”). Il brano rientra nel filone Indie/Pop con sperimentazione vocale tra la Trap, l’RNB e il POP. E’ stato arrangiato dal Maestro Giancarlo Prandelli con la collaborazione di Massimo Galfano.

Il video è stato girato in una Verona notturna, deserta. Perché questa scelta?
Abbiamo fatto questa scelta per tradurre in immagini quel sentimento che ho provato dentro di me quella notte… Il vuoto interiore, la nostalgia, la mancanza. In più ho voluto rendere omaggio a una città fantastica: Verona di notte è uno spettacolo! C’era un'atmosfera veramente surreale e magica. E’ stato girato dal bravissimo Carlo Neviani e dalla troupe di Davide Franzoni (regista di fama nazionale della Image mix 35), sfidando il freddo di fine ottobre. Le immagini vogliono celebrare la città, con i suoi dettagli incredibili: dall’Arena e piazza delle Erbe, fino alla famosa collina dalla quale si scorgono l’Adige, i castelli e le mura.

Cosa pensi del panorama musicale italiano? E di quello belga?
Penso che in Italia, ma ovunque nel mondo, siamo in una fase di cambiamento, del resto la musica è il riflesso della società: ci troviamo in questo momento storico a metà tra quello che è stato, quello che è e quello che sarà. Certo, non bisogna mai dimenticare da dove proveniamo, però è anche vero che bisogna proiettarsi nel futuro. Ciò premesso, posso dire che gli italiani sono molto critici in generale, ma io vivendo all’estero posso assicurare che in Italia la musica è di altissimo livello. Riguardo il Belgio, va detto che è un paese molto piccolo e non è semplice farsi spazio, anche perché la cultura musicale è basata più su quella americana, inglese, francese. E’ vero che la presenza di tantissimi immigrati ha fatto sì che la musica italiana arrivasse anche lì, però è abbastanza sconosciuta dai più, fatta eccezione per quei pochi artisti di livello internazionale, tipo Pausini, Ramazzotti, Zucchero…

Prossimi progetti e programmi?
I progetti a breve termine sono diversi, prossimamente arriverà un nuovo singolo, poi l’album; continua la preparazione per i live, sperando di poter riprendere presto. Ovviamente si continua a crescere, sperimentare, fare musica… sempre e comunque!

 

(Sito: https://www.toniveltri.com/ )



 Ultime tesine e appunti caricati

Seguici su:
Seguici su FacebookSeguici su Twitter

 

© Tesine.net è una testata giornalistica online registrata al Tribunale di Ferrara con autorizzazione n. 4/11 del 10 maggio 2011 - Partita IVA: 04304390372