04
Set
2014

La ricerca della felicitÓ: una sfida nel percorso di vita dell'uomo

La ricerca della felicitÓ: una sfida nel percorso di vita dell'uomo
Silvio Barbieri

E se ce l'avessimo a portata di mano, sapremmo riconoscerla?

Nelle librerie di tutto il mondo la maggior parte degli scaffali dedicati alla psicologia sono riempiti da libri che trattano il difficile argomento della felicitÓ dando regole e consigli per vivere nel benessere, felici e in pace con se stessi e gli altri.
Che cos'Ŕ la felicitÓ? Una bella parola? Nei ritmi frenetici del quotidiano, nel fare senza sosta, a volte senza possibilitÓ riflettere, non siamo in grando di riconoscere la felicitÓ; quasi non ci sentiamo in diritto di dire a noi stessi o agli altri  "sono felice".
Eppure la storia, la letteratura, ogni ambito della cultura del passato come del presente testimonia come ogni uomo agisca  persegua un fine preciso: la ricerca della felicitÓ. Spesso tale ricerca si concretizza nell'impegno a fare del proprio meglio.
E' questa la condizione di quel lavoro continuo che occorre fare su noi stessi, che passa dalla cura del nostro corpo e delle nostre emozioni e dalla capacitÓ, quindi, di instaurare relazioni affettive e sociali in cui investire con la propria creativitÓ personale.
L'amore dell'altro Ŕ il fulcro centrale, in tutte le sue forme e manifestazioni, che sia amore filiale, fraterno, di coppia o sociale. Deve ricoprire, però, una volontÓ di scambio, di accettazione del diverso, di lasciare spazio all'altro, piuttosto che la ricerca di qualcosa o qualcuno che sia a nostra immagine e somiglianza. Nel relazionarsi, infatti, esiste la dimensione del vincolo che scelgo volontariamente e la provocazione della diversitÓ;  la reciprocitÓ che consenta di instaurare legami solidi  di carattere familiare,  educativo, professionale ecc...


Le relazioni procedono a fasi e ad ogni fase corrisponde uno snodo che Ŕ al contempo naturale e critico: fasi alterne nella vita di coppia, la nascita di un figlio, passaggi di etÓ nelle relazioni educative, smarrimenti, stress provocato da eventi quotidiani e allora che fare? Occorre riprendere in mano "la capacitÓ di fare del proprio meglio" chiarendo quali sono i motivi che ci preoccupano, individuando le risorse personali che possiamo mettere in campo, migliorando le proprie capacitÓ di relazione, cercando soluzioni appropriate, assumendosi la propria responsabilitÓ. La responsabilitÓ di chiedersi se ho fatto del mio meglio, se ho esplorato le possibili conseguenze del mio agire in quella relazione, in quel legame, sapendo che, se la relazione non Ŕ un semplice aggregato di due singoli, le mie azioni non sono "neutre", ma potranno portare beneficio o danneggiare l'altro o gli altri.
Il desiderio di felicitÓ Ŕ quindi inseparabile dall'esistenza umana e dall'esperienza educativa.
La felicitÓ di questo mondo, non Ŕ magia, non Ŕ predeterminata, non Ŕ stabile e immutabile. Non Ŕ altrove rispetto all'esistenza quotidiana.
Sebbene deperibile e passibile di perdita, essa Ŕ un bene che si può conseguire e migliorare, anche in maniera durevole, nutrendo affetti a partire dalla propria autostima. Sono felice con l'altro e con gli altri se so stare bene anche da solo.
La felicitÓ, infatti, passa dalle relazioni affettive tra persone che sanno gustare la vita da soli, tra persone che si arricchiscono nella reciproca diversitÓ, ma senza troppo dipendere emotivamente le une dalle altre.


 Ultime tesine e appunti caricati

Seguici su:
Seguici su FacebookSeguici su Twitter

 

© Tesine.net Ŕ una testata giornalistica online registrata al Tribunale di Ferrara con autorizzazione n. 4/11 del 10 maggio 2011 - Partita IVA: 04304390372