15
Giu
2011

Occupazione dopo la laurea: risultati solo a lungo periodo

Sbocchi lavoro dopo la laurea
Claudia Pirani

Una serie di cause oggettive come la crisi economica, gli scarsi investimenti nell’istruzione, ricerca e sviluppo, rallentano inesorabilmente l’inserimento dei neo-laureati, siano essi triennali, specialistici biennali o specialistici a ciclo unico, nel mondo del lavoro

I primi però che, a un anno dalla laurea, trovano lavoro sono i laureati triennali, seguiti dagli specialistici biennali e infine dagli specialistici a ciclo unico. Lo stipendio mensile mediamente si aggira per tutti su € 1.100.

Inutile dire che la sfiducia dei giovani per il titolo di studio che non garantisce più futuro è molto elevata. Ma è importante ricordare che analizzando la situazione nel lungo periodo, risulta che i laureati hanno un tasso di occupazione e uno stipendio più alto rispetto ai colleghi diplomati. Inoltre la laurea rimane ed è un valore aggiunto per i giovani, perché fornisce strumenti culturali e professionali per far fronte alle varie esigenze di mercato.

Detto ciò, per avere un processo di inserimento dei neolaureati nel mondo del lavoro più fluido, è necessario potenziare e utilizzare le banche dati delle Università, come per esempio quello di AlmaLaurea che rende accessibili tutti i curricula di circa un milione e mezzo di laureati.  


 Ultime tesine e appunti caricati

Seguici su:
Seguici su FacebookSeguici su Twitter

 

© Tesine.net è una testata giornalistica online registrata al Tribunale di Ferrara con autorizzazione n. 4/11 del 10 maggio 2011 - Partita IVA: 04304390372